Ti sei mai chiesto se vale la pena provare una dieta a basso indice glicemico? Volete sapere quali sono i principi principali di una tale dieta? Se hai risposto “sì” ad almeno una di queste domande, dovresti leggere questo articolo. Potrebbe dissipare molti dei vostri dubbi.indice glicemico

Vuoi mettere in moto il tuo metabolismo? Queste bevande accelerano il tuo metabolismo

Ti sei mai chiesto se vale la pena provare una dieta a basso indice glicemico? Volete sapere quali sono i principi principali di una tale dieta? Se hai risposto sì ad almeno una domanda, dovresti leggere questo articolo. Potrebbe dissipare molti dei vostri dubbi.

Tabella dei contenuti

  • Dieta a basso indice glicemico
  • Come ridurre l’indice glicemico nella dieta?
  • Il punto di vista di un dietologo

Una dieta a basso indice glicemico

“Una dieta a basso indice glicemico è particolarmente raccomandata nell’insulino-resistenza e nel diabete, ma può essere seguita da chiunque voglia prendersi cura della propria salute e del proprio benessere. È progettato in modo tale da non causare rapide fluttuazioni dei livelli di glucosio nel sangue“, spiega la nutrizionista.

Mangiare pasti con un basso indice glicemico è particolarmente importante per le persone con diabete.

Cosa significa questo in pratica? Ci sono parecchi vantaggi:

  • meno sonnolenza dopo i pasti,
  • più energia,
  • aumento della concentrazione,
  • un umore migliore.

Inoltre, come sottolinea l’esperto, una dieta a basso indice sopprime perfettamente la sensazione di desiderio e fornisce una lunga sensazione di sazietà dopo i pasti. E questo è utile durante la riduzione del peso. Pasti ben bilanciati si traducono anche in un ridotto desiderio di spuntini.

Come ridurre l’indice glicemico nella dieta?

Vuoi ridurre l’indice glicemico nella tua dieta? Un nutrizionista ti dice come fare.

  • Cuocere al dente – la pasta troppo cotta o le carote hanno un indice glicemico più alto, quindi occhio al tempo di cottura.
  • Non macinare – la farina di farro ha un IG più alto della semola di farro, le patate schiacciate hanno un IG più alto delle patate mangiate intere, lo stesso vale per i frullati e la frutta intera. Il consiglio della nutrizionista è che se devi usare la farina per una ricetta, che sia farina integrale.
  • Aggiungere grassi e proteine – lo yogurt scremato ha un IG più alto di quello intero. Se vuoi evitare un alto IG nella tua dieta, è anche meglio rinunciare alla farina d’avena con acqua a favore della farina d’avena con noci (grassi) e yogurt (proteine). “Cercate sempre di combinare i prodotti a base di carboidrati con proteine e grassi, che abbassano effettivamente l’IG”. – suggerisce il nutrizionista.
  • Togli la buccia e usa prodotti integrali – la frutta e la verdura sbucciate hanno un IG più alto di quelle mangiate con la buccia. Se vuoi evitare un alto IG nella tua dieta, è anche meglio rinunciare al pane bianco e sostituirlo con pane integrale.

Il punto di vista di un nutrizionista

Gli autori del profilo su sono le dietiste Viola Urban e Agata Kleszcz e la nutrizionista e personal trainer. Sul loro conto troverete molti consigli utili sulla dietetica e suggerimenti pratici.

“Stimoliamo l’appetito per un’alimentazione sana! Dimostriamo che sano e gustoso non si escludono a vicenda” – così scrivono sul loro profilo su Instagram.

Lascia un commento